Menarini Telefono Azzurro

09:19


Menarini, primo gruppo farmaceutico italiano nel mondo e Telefono Azzurro uniti per aiutare le piccole vittime di abuso.
Per fare emergere il malessere infantile e adolescenziale “sommerso” e dare un segnale di aiuto concreto alle piccole vittime senza voce, Menarini lancia il primo progetto al mondo per la creazione di una rete antiabuso di 15mila pediatri e medici di base “sentinella”. 
Prima azienda farmaceutica ad avere deciso di impegnarsi massicciamente per un network sanitario contro la violenza sui minori, Menarini in collaborazione con Telefono Azzurro, Società Italiana di Pediatria (SIP), Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e Associazione Ospedali Pediatrici Italiani (AOPI), si propone l’obiettivo di sensibilizzare e formare i pediatri italiani a riconoscere e intercettare i segnali di eventuali abusi, a partire da quelli inespressi di disagio e sofferenza del bambino, a tutela e promozione del suo benessere.

        Riferimenti alla ricerca promossa da Telefono Azzurro e Doxa



Dalla ricerca realizzata da Telefono Azzurro e Doxa Kids pubblicata nel 2016, su un campione di 600 12-18enni e 600 genitori in tutta Italia, è emerso come tra i diritti fondamentali, Il “Diritto alla protezione dalle violenze e abusi”, è ritenuto dal 33% dei casi il secondo diritto tra quelli meno garantiti. I ragazzi intervistati sostengono dunque che la propria generazione sia particolarmente esposta ai pericoli dell’abuso e del maltrattamento.
Dalla ricerca emerge anche come il 27% dei bambini ritenga che il “Diritto alla crescita sana e alle cure migliori” non sia rispettato a sufficienza. Inoltre, il 57% degli intervistati afferma che la propria famiglia ha risentito del peso della crisi economica; dalla ricerca è emerso che i bambini risentono fortemente dello status socio-economico in cui vivono – a maggior ragione se sottoposti ad alti livelli di stress – presentando conseguenze nel lungo termine e nell’età adulta, sia a livello di salute fisica, che psicologica. 
La diffusione di Internet ha profondamente modificato l’accezione dell’abuso. Il mercato della pedo-pornografia aumenta molto rapidamente ed esponenzialmente sia a livello mondiale, che nella realtà italiana. Internet amplifica la portata del cyberbullismo, favorendo copertura ed anonimato e rendendo difficile l’identificazione dei primi segni di allarme. Secondo la ricerca di Telefono Azzurro e Doxa Kids (2016), al 12% dei ragazzi è capitato di essere vittima di bullismo online, da parte di coetanei o ragazzi più grandi.
I bambini sono il nostro futuro, il nostro compito è quello di proteggerli.
          https://www.youtube.com/watch?v=y9gNlXu2tMA
Buzzoole

You Might Also Like

7 comentários

  1. Bello questo post, fai fatto molto bene a parlarne. Dobbiamo proteggere i nostri figli!
    Alessia

    RispondiElimina
  2. Menarini è una azienda davvero encomiabile!

    RispondiElimina
  3. ottimo , ci vorrebbero più iniziative come questa perchè gli abusi sui bambini cessino

    RispondiElimina
  4. Sono dati che dovrebbero essere diffusi e tutti dovrebbero conoscere, una situazione difficile e complessa, ma è importante sapere per iniziare maggiormente a tutelare i più piccoli in ogni realtà e società,
    baci

    RispondiElimina
  5. ottimo...
    Dobbiamo proteggere i più piccoli. nessuno deve abusare di loro

    RispondiElimina
  6. concordo pienamente
    tutto ha i suoi pro e contro
    ed il cyberbullismo sta prendendo una brutta piega davvero
    xoxo

    RispondiElimina
  7. LODEVOLE PARLARNE SUL BLOG!!! BRAVA

    RispondiElimina